Numero 2 2015 IN-SEGNARE

 

Fronte-cop-Marea-2-15--webNella scuola da sempre sono le donne a insegnare, in maggioranza nei livelli di base, meno nell’accademia e con meno potere degli uomini, anche se lentamente cominciano nelle università a entrare i gender studies e ad affermarsi carriere femminili che cambiano il sapere e ne smantellano la neutralità. Ma non si insegna, e non si impara, solo a scuola. Il segno lo si lascia, lo si consegna e lo si tramanda dentro e fuori le mura delle scuole, ed è di questo segno che proviamo a raccontare in queste pagine, domandandoci come, e se, è possibile tramandare il segno che a molte (e molti) di noi ha lasciato il movimento delle donne. Abbiamo chiesto a docenti, attiviste, formatrici di ragionare sul segno che si lascia quando si percorre il cammino del proprio lavoro e della propria vita nella convinzione che sia necessario sessuare questo tragitto. Oggi si moltiplicano le esperienze di formazione sul genere, e fortissimi sono gli ostacoli in molte scuole anche a causa del rifiuto sempre più aggressivo di pezzi fondamentalisti dell’universo cattolico. Tuttavia pullulano imprese collettive e individuali, case editrici, gruppi di studio che ragionano sulla pedagogia sessuata. Spesso, a marzo e novembre, le scuole ospitano dibattiti sulla violenza e sugli stereotipi. Possiamo quindi dirci soddisfatti/e così, anche considerando la formazione universitaria che oggi viene proposta a chi vuole insegnare?

Con articoli di: Francesca Sensini, Laura Cima, Elisabetta Borzini, Lea Melandri, Carlo Ridolfi, Rosangela Pesenti, Marieme Helie Lucas, Daniela Rossi, Ferdinanda Vigliani, Monica Pasquino, Agnese Prandi, Alessandra Montesanto, Irene Barichello, Monica Lanfranco.

Could create table version :No database selected