Numero 3 2015 S E S S U A L I T A’

Fronte cop

Questo numero raccoglie immagini e interventi stimolati dal seminario di Officine dei saperi femministi a Altradimora, svoltosi dal 4 al 6 settembre 2015, sul tema Quale libertà nel mio piacere: sessualità, eros, desiderio, mercato.

Nel testo d’invito al seminario scrivevamo: ”Tutto è cominciato con la sessualità: le nostre vite, quelle di coloro che abbiamo generato. I movimenti che hanno scelto di mettere al centro la liberazione dell’umanità vedono la sessualità come una questione nodale. Non c’è testo teorico né romanzo femminista che non tratti l’argomento. La sessualità è al centro della polis, del sapere e delle relazioni umane. Perché allora ne abbiamo così paura, ne sappiamo così poco, essa è così elusa nell’educazione, è perseguitata dalle religioni e mercificata in ogni latitudine diventando dominio e violenza? Quanto è cambiata la sessualità, (in meglio e in peggio), dagli anni in cui si affermava ‘il corpo è mio e lo gestisco io?’, che libertà, felicità, senso del limite, consapevolezza abbiamo costruito e lasciamo in eredità a chi è più giovane”?

Domande importanti sempre, che oggi assumono il carattere dell’emergenza se si pensa, per esempio, da una parte ai 25 mila utenti di un sito italiano che ‘recensisce’ i bordelli nel mondo e dall’altra all’offensiva pervasiva e pericolosa delle Sentinelle in piedi contro l’avvio nelle scuole dell’educazione all’affettività.

Senza la pretesa di dare risposte risolutive Marea offre in questo numero (già nel 2003 affrontammo il tema) alcuni stimoli per continuare a ragionare di sessualità, erotismo, desiderio e intrusione della logica del mercato nelle nostre vite.

Monica Lanfranco www.monicalanfranco.it